Logo per la stampa
Vai al portale della Provincia Autonoma di Trento
Giovedì, 22 Aprile 2021
carattere » Imposta la dimensione del carattere predefinita Imposta la dimensione del carattere grande Imposta la dimensione del carattere molto grande
Scrivici   
 
 
 

Provincia Autonoma di Trento - Mondotrentino

 
 
 

LISA DA CORREGGIO E LUCAS BORNICO

Brasile, Argentina e Spagna con il comune denominatore "Trentino"

 

Lisa si racconta

Mi chiamo Laíse Da Correggio Luciano, anche se qui in Spagna tutti mi conoscono come Lisa Da Correggio, che è più facile. Sono nata a Palhoça, in Brasile e sono discendente di trentini, di Ala e Rovereto.
Ho studiato giurisprudenza in Brasile. Durante i miei studi universitari, ho fatto parte di un progetto di interscambio con l’Università di Trento per un anno. Una volta finito il corso di giurisprudenza in Brasile, ho fatto un Master in Commercio Internazionale presso l’Università di Padova. Dopo il Master, sono andata a Trento a fare Giurisprudenza. Quando ero alla fine del corso, sono stata selezionata per fare un dottorato all’Università di Londra in Diritto della Concorrenza, che ho finito nel 2010. 
Nel 2014 finalmente abbiamo traslocato. Io ho aperto l’agenzia immobiliare Golden Properties e Lucas un ufficio legale. L’ufficio legale continua però l’agenzia è cresciuta molto e Lucas si è unito a Golden Properties. 
Se non fosse per la nostra origine in comune, la nostra vita sarebbe completamente diversa. Il mio primo lavoro nel settore immobiliare è stato a Trento ed oggi abbiamo la miglior agenzia immobiliare single-office di tutta la Spagna. Entrambi siamo tornati alle nostre origini. Ci siamo conosciuti a Trento, dove abbiamo studiato, lavorato, creato vincoli e vissuto delle esperienze importantissime.

Lucas si racconta

Io sono Lucas Bornico, nato a Buenos Aires, Argentina, anch’io discendente di trentini, da Arco. 
Ho studiato giurisprudenza presso l’Università di Trento, poi ho fatto il Law Diploma a Londra. Facevo l’avvocato a Londra, cioè Solicitor, in ambito commerciale e con riguardo al settore della costruzione navale e delle piattaforme petrolifere offshore. 

La loro storia personale e professionale

Ci siamo conosciuti a Trento, quando eravamo all’università, entrambi alla Facoltà di Giurisprudenza con il progetto della Provincia per discendenti di trentini. (n.d.r. Progetto UNICOLOR - borse di studio riservate a giovani discendenti trentini per la frequenza dell'Università di Trento)
Ci siamo sposati quando ancora eravamo a Trento, alla fine dei nostri studi universitari. Poi siamo andati a vivere a Londra, in Inghilterra, per motivi di lavoro e ormai è da 6 anni che abitiamo nella zona di Marbella, nella Provincia di Malaga, in Spagna. 
Dopo che la nostra bambina Julia è nata, nel 2011, abbiamo deciso di andare a vivere nella zona di Marbella, perché la qualità di vita è fantastica qui. 
Oggigiorno siamo entrambi soci di Golden Properties e quest’anno abbiamo vinto l’European Property Awards a Londra come miglior agenzia immobiliare single office di tutta la Spagna.  La nostra agenzia è specializzata nel settore di proprietà di alta qualità e come seconda residenza, con un pubblico nazionale ed internazionale, principalmente dal Regno Unito, U.S.A., Medio Oriente, Francia, Svizzera, Italia ed il Nord d’Europa. 

 

La rete trentina

Potrebbe essere molto utile creare una rete di trentini che possa collegare virtualmente quelli che vivono in Trentino con i trentini all’estero e i discendenti di trentini.
Abbiamo contatto a livello personale con molti di quelli che facevano parte dei giovani trentini dell’associazione Trentini nel Mondo e con quelli che, come noi, hanno studiato all’Università di Trento con la borsa di studio della Provincia per discendenti di trentini.
Di solito i trentini hanno una mentalità imprenditoriale. Molti di noi hanno aperto le proprie aziende e sicuramente si potrebbero creare delle sinergie importanti tra di noi attraverso una rete di trentini.

 

La pandemia

Gli effetti della pandemia mondiale hanno coinvolto anche la Spagna che è stata il secondo stato in Europa ad essere colpito dal coronavirus, circa 15 giorni dopo dell’Italia. In Spagna quello che è successo all’inizio è che la gente non credeva che fosse così grave. Quando si sono accorti che la nostra situazione stava diventando come nelle regioni più colpite all’inizio in Italia, come la Lombardia, era già troppo tardi e siamo rimasti dal 14 marzo fino alla fine di giugno confinati a casa.
Noi ne abbiamo approfittato per avere cura di noi stessi, fisicamente e mentalmente e per lavorare su diversi progetti che avevamo per la nostra azienda che prima però non avevamo tempo di seguire.
Quando il lockdown è finito, abbiamo potuto finalmente rivedere la famiglia, tornare al lavoro (tutti avevamo molta voglia di lavorare) …insomma, vivere davvero. 
Prima, quando c’è stato il momento di sorpresa, tutto si è fermato. Nessuno pensava di acquistare una casa, perché non era il momento. Non si sapeva cosa effettivamente sarebbe successo.
Poi, moltissime persone hanno cominciato a contattarci perché con il lock down molti si sono accorti che avrebbero potuto venire a vivere qui, dove abbiamo molto spazio, terrazze grandi e le spiagge. Non è lo stesso passare un lock down in un appartamento con un piccolo balcone in una grande città che in uno con 150 metri di terrazza davanti al mare. 
Infatti, questa zona della provincia di Malaga ormai si sta caratterizzando come la versione “californiana” dell'Europa. Cioè, dagli anni 90 moltissime persone scelgono di avere una seconda residenza per vacanze qui, però si sta notando un cambiamento perché molte persone scelgono adesso di traslocare qui a tempo pieno o parziale, questo per via dei parecchi voli giornalieri da tutte le principali città europee, nonché una rete internet per fibra ottica che permette lavorare a distanza senza difficoltà. 
Appena hanno aperto gli aeroporti dopo il lockdown c’è stata una valanga di clienti, però adesso si è calmato tutto un’altra volta con la seconda ondata del virus. Vediamo fino a quando questo continuerà. 

 

Il messaggio alla Community di MondoTrentino 

In questo momento siamo alla fine del 2020, giusto quando abbiamo la seconda ondata del coronavirus in Europa. Sappiamo che è un periodo molto difficile per tutti, sia da un punto di vista personale che economico.
Però dobbiamo ricordarci che la comunità trentina è sempre stata molto unita. È vero che geograficamente siamo chiusi, protetti in certo modo dalle montagne, però è anche vero che a livello mondiale siamo una delle comunità più sparse su tutto il mondo; una caratteristica speciale ed eccezionale, che poche comunità hanno.
Dobbiamo rafforzare i nostri vincoli perché siamo sicuri che, con la nostra unione, usciremo di questa crisi, ancora più forti. 

 

 

Novembre 2020

 
 
 
Mappa del sito | Aiuto | credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy