Logo per la stampa
Vai al portale della Provincia Autonoma di Trento
Martedì, 21 Novembre 2017
carattere » Imposta la dimensione del carattere predefinita Imposta la dimensione del carattere grande Imposta la dimensione del carattere molto grande
 
 

Provincia Autonoma di Trento - Mondotrentino

 
 
 

La vita

Liberio Furlini

 

Liberio Furlini, pittore autodidatta, è nato il 16 ottobre 1950 a Riva del Garda. Attualmente risiede a Lavis. Durante gli studi magistrali ebbe il privilegio di essere allievo del Prof. Luigi Senesi, che gli fece apprezzare l’arte in tutte le sue sfacettature.
Ha iniziato a dipingere dopo il 1989. Usa varie tecniche pittoriche: ad olio, con terre naturali, ossidi, su sottofondo a base di sabbia e polvere di marmo o stucco a calce.
Ha realizzato numerose e significative mostre personali tra le quali quelle presso la Biblioteca Comunale di Lavis nel 1997, il Centro Congressi di Piné nel 2001, la sede A.C.S.I. di Trento nel 2005; tra le mostre collettive si annoverano quelle al Palazzo delle Esposizioni a Fano (in provincia di Pesaro e Urbino) nel 2002, al Centro d’Arte San Vidal di Venezia nel 2003.
Ha partecipato a vari concorsi fra i quali il Concorso Segantini nel 2002, il Festival della Montagna Esplorazione di Trento nel 2002, il Premio Internazionale Lago di Lugano (Svizzera) nel 2005, il Concorso Premio Federbim Valsecchi a Roma nel 2003.
E’ stato invitato alla IV Biennale d’Arte Internazionale “Ermentage du Riou”, Mondellieu – Cannes, Francia nel 2006, con opere realizzate utilizzando la tecnica tempera all’uovo, la stessa tecnica con la quale è stata dipinta l’opera d’arte dal titolo “Verso l’ignoto per un ritorno felice”.
Dipinge anche su lastre di granito. Suo è il dipinto su una lastra di misura m 1,80x0,80 posto nella piazza del borgo trentino di Rango nel 2007.
Predilige la pittura murales; ha realizzato 15 murales in varie località trentine, di cui il più grande, che misura circa 25 mq, è ubicato a Roncone ed è stato eseguito nel 2007.
Esperto nella tecnica dell’affresco; suo è l’affresco “Il Pastorello” realizzato a Balbido, il cosiddetto “paese dipinto” del Trentino, ripreso dalle telecamere della sede RAI di Trento nel 2005 ed illustrato dal dott. Alberto Tafner nel documentario intitolato “Come nasce l’affresco”.

 
Sito web di Liberio Furlini
 
 
Mappa del sito | Aiuto | credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy