Logo per la stampa
Vai al portale della Provincia Autonoma di Trento
Mercoledì, 13 Dicembre 2017
carattere » Imposta la dimensione del carattere predefinita Imposta la dimensione del carattere grande Imposta la dimensione del carattere molto grande
 
 

Provincia Autonoma di Trento - Mondotrentino

 
 
 

Verso l'ignoto per un Ritorno Felice

L'opera di Liberio Furlini per l'emigrazione

“Come rondine vo’… per l’ignoto destino”: così canta una vecchia, romantica canzone, dedicata allo spazzacamino. Mi è tornata in mente appena ho avuto l’occasione di vedere l’opera di Liberio Furlini. Quella grande rondine nera, che plana quasi a ritroso rispetto al passo delle due figure umane, porta con sé, insieme, il senso profondo del migrare e l’inversione di volo, il possibile ritorno ai luoghi conosciuti degli amori e delle nascite primaverili e delle garrule estati assolate.
In quel cielo arrossato, non si sa se per l’aurora o per il tramonto, quella rondine anticipa, nel simbolo, i pensieri, i progetti, le aspettative di tante donne e di tanti uomini, che si sono messi in viaggio loro stessi in cerca di primavere e di estati, che potessero esprimere vita, crescita, benessere.
Il molo, il mare oscuro, l’ombra delle navi colta attraverso l’emergere dei loro alberi sullo sfondo, esprimono a loro volta il senso della necessità, dell’inflessibile legge del destino che chiama a partire, a prendere il largo.
E le due figure umane, viste di spalle, quasi senza volto, sembrano avvertire l’ineluttabilità di quell’abbandonarsi al viaggio e al suo mistero. Per quanti, tra i partiti, s’è mai realizzato il volo della rondine? Per quanti si è allargato l’orizzonte fino ad inghiottirli in una andata senza ritorno?
Liberio Furlini non scioglie l’enigma. Forse nella sua memoria è ben sedimentata la storia di molti suoi compaesani, donne e uomini di qualche generazione più in là, partiti in gran numero, coltivando sogni e nostalgie mai pienamente realizzati nella severa esperienza di vita di ciascuno di loro. La grande rondine nera, però, può essere un indizio, prezioso e significativo, che almeno il cuore conosce di sicuro la via del ritorno.

Marcello Farina
Filosofo e Critico

 
Testo critico di Marcello Farina
 
 
Mappa del sito | Aiuto | credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy