Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Mondotrentino

 
 
 

I passi dei prossimi giorni

 

E veniamo quindi allo svolgimento dei nostri lavori.

I particolari tecnici, gli orari e le scansioni ci sono già state illustrate e qui vogliamo solo sottolineare ed argomentare le tematiche di approfondimento in continuità con i convegni continentali svolti. Gli interventi dei relatori saranno quindi un ulteriore momento di stimolo per la riflessione e l’approfondimento che avverrà con la discussione nei gruppi di lavoro.

In particolare si farà riferimento alle seguenti tematiche:

1)     Storia dell’emigrazione. Non è automatica la corrispondenza fra essere discendenti di migranti ed essere insieme a conoscenza della storia dell’emigrazione. Vorremmo con questa tematica dare uno spaccato abbastanza esauriente e far conoscere aspetti della nostra emigrazione che soli spiegano il carattere e quindi il divenire storico di aree e di vallate importanti della provincia di Trento.

2)     Provincia Autonoma di Trento. Da dove deriva la nostra Autonomia? Quale la storia che l’ha determinata? Come si articola la nuova Regione e le due Province? Quali le loro competenze? Come è articolata la politica, le sue organizzazioni e i meccanismi della loro rappresentanza nei comuni, nei comprensori e nei consigli provinciale e regionale? Sono domande importanti e la risposta che verrà loro data spiega non solo le regole della vita interna della nostra piccola patria ma mostra i meccanismi che disciplinano i rapporti con le altre Regioni, con lo Stato centrale, con l’Unione Europea e con gli altri paesi del mondo.

3)     Associazioni di emigrazione in Trentino. Con pesi assai diversi, che derivano dalla loro storia e radicamento, e diverso spirito, conseguenza delle distinte ispirazioni, hanno segnato e segnano continuità ed organizzazione dei nostri emigrati. E’ cosa buona e giusta che si presentino e che tutti noi abbiamo la possibilità di apprendere le basi su cui operano dalla viva voce dei loro dirigenti.

4)     Progettazione . Dai lavori precongressuali è questo un tema uscito con grande forza. Che cosa concretamente significa passare dal balenio di un’idea alla sua trasformazione in un progetto? Quali passaggi mentali e quali scansioni temporali e di priorità è necessario seguire?

5)     Cooperazione . Cooperazione è un modo per organizzare fattori fra i più importanti della vita delle persone. Lavoro, salute, assistenza, consumo, risparmio, cultura e divertimento possono essere “guidati” da spirito cooperativo. Possiamo allora affermare che cooperativismo è una filosofia di vita. Il Trentino è un esempio quasi unico dell’applicazione di questa filosofia.

6)     Comunicazione.Altra tematica uscita con forza dai dibattiti preparatori. Come comunichiamo fra noi? Come comunichiamo con gli altri? In un’epoca come la nostra la parola comunicazione così bella ed importante può diventare pericoloso veicolo di “plagio”. Che cos’è la comunicazione corretta e come comunichiamo con i comportamenti, con l’esempio? La comunicazione con il comportamento è quella che permette di affiancare alla politica dei politici la politica dei popoli. Alla diplomazia delle cancellerie la diplomazia delle genti.

7)     Solidarietà, immigrazione, diritti umani, cooperazione allo sviluppo. Altro punto che, toccando la sensibilità di tanti giovani, è emerso prorompente dalle discussioni precedenti. Cercheremo di ordinarlo un poco, di offrire ulteriori spunti per pensare. Anche per agire, però! Infatti, questo tema si collega direttamente a quello della progettazione se pensiamo alla “cooperazione allo sviluppo” che certamente interessa molti di noi. Discuteremo di come la Provincia di Trento affronta questa materia in rapporto con tantissime associazioni di volontariato.

8)     Valori e differenze tra “identità” e “origine comune”.La questione della identità fra le differenze ha attraversato i secoli. Nell’ultimo dei secoli, quello appena trascorso, ha assunto aspetti tragici ed ha determinato massacri immani. Nonostante ciò rimaniamo convinti che non si possa prescindere dalle proprie origini. Siamo altrettanto convinti che l’identità debba essere veicolo di amore e di inclusione e non di odio ed estromissione.

Prevediamo inoltre momenti di informazione su urgenze di ragguaglio che sono state sottolineate nelle occasioni di scambio fin qui avute. Essi riguarderanno:

a)     la cittadinanza,

b)     il riconoscimento dei titoli di studio,

c)     la formazione universitaria, post-laurea e formazione permanente,

d)     la lingua e la cultura italiana,

e)     gli interventi della Provincia Autonoma di Trento in emigrazione,

f)       le pensioni.

Nel contesto mondiale della globalizzazione, umana oltre che economica, noi, accomunati dalle radici storiche/culturali, stiamo vivendo esperienze simili, ma in contesti geografici/ambientali/culturali diversi.

La rete associazionistica mondiale esistente, e che ci unisce, offre l’opportunità di conoscersi, di creare legami, confronto, scambio di idee, di pensieri, di crescere in modo più completo e globale.

Quella del Congresso, come tutte le occasioni di incontro, è un’opportunità che dobbiamo cogliere e “sfruttare” pienamente per il bene di tutta la comunità trentina nel mondo.

Ci ripromettiamo di lavorare sodo. I pomeriggi e le serate saranno dedicati ai lavori di gruppo, al confronto fra di noi ed alla nostra reciproca conoscenza.

Cercheremo, in queste ore di dibattiti e di approfondimenti, di chiarirci le idee su cosa ci sentiamo di fare, su cosa chiediamo a noi stessi, alle istituzioni, alla Provincia, alle Associazioni, ai “circoli”, alle “famiglie”, ai nostri vecchi! Ci confronteremo su progetti di lavoro comuni, a livello locale ma anche a livello continentale e mondiale. Proporremo, a noi stessi, alla Provincia ed alle Associazioni, percorsi interconnessi ed obiettivi che vogliamo individuare come strategici, chiederemo il necessario sostegno per concretizzare la capacità di perseguirli. E’ una sfida che lanciamo prima di tutti a noi stessi, alla nostra capacità di lavoro, alle nostre intelligenze propositive.

Forse chiediamo troppo, forse troppo poco; si tratta comunque di un percorso che vogliamo fare insieme e le conclusioni che trarremo sabato prossimo saranno l’ulteriore partenza di un nuovo cammino, di nuove progettualità e di nuove prove affinché tutti noi si possa continuare ad essere TRENTINI – CITTADINI DEL MONDO.

Buon lavoro a tutti!!!!

 
 
 
Mappa del sito | Aiuto | credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy