Logo per la stampa

Provincia Autonoma di Trento - Mondotrentino

 
 
 

Area Cooperazione, sviluppo e solidarietà

 

All’appuntamento sul tema della cooperazione, sviluppo e solidarietà le varie delegazioni sono arrivate a seguito di percorsi di discussione e approfondimento che si sono svolti in ogni paese nel corso dell’ultimo anno.
I delegati hanno espresso chiaramente che essi considerano il Congresso come una prima tappa significativa di un cammino che è solo all’inizio. Il congresso chiaramente è già un risultato, ma deve porre le basi per opportunità, progetti e ulteriori responsabilità da parte dei giovani stessi, di origine trentina.
Le aspettative emerse, in quest’ottica, riguardano sia i risultati collegati strettamente al congresso, sia i possibili percorsi che da qui possono scaturire.
Le aspettative rispetto al congresso riguardano prevalentemente quattro ambiti generali:

  1. La vita associativa nei gruppi di provenienza (maggior rappresentanza dei giovani e capacità dei gruppi di intraprendere azioni di solidarietà).
  2. Entrare in relazione con altri giovani e gruppi di origine trentina (reti di relazioni, interscambi culturali, sociali e di attività e progetti).
  3. Accrescere la comunicazione tra il Trentino e le diverse realtà associative (migliorare i sistemi di informazione e comunicazione, maggior autonomia delle associazioni sulle informazioni delle opportunità esistenti).
  4. Porre le basi per l’attivazione e l’incentivazione di progetti concreti di solidarietà (centralità al principio di RECIPROCITA’, micro proposte attuabili in tempi "ragionevoli").

Nel lavoro svolto emerge come i termini solidarietà, sviluppo e cooperazione abbiano valenze diverse a seconda delle situazioni che ogni delegazione vive: è solidarietà l’aiuto reciproco tra i membri del circolo o fra i trentini sparsi nel mondo, ma lo è anche nei confronti di chi fa fatica a vivere nel proprio paese e nelle zone più svantaggiate del mondo.
Questi due aspetti si riscontrano parallelamente all’interno dei tre livelli entro cui la solidarietà può essere promossa e vissuta:
il livello locale;
il livello nazionale;
il livello internazionale.

In ambito locale si può parlare di relazioni intense, amicizia e supporto morale ai membri dell’associazione, di azioni che promuovono il mantenimento della lingua e della cultura italiana, ma anche di attenzione alle persone e alle famiglie "trentine" che si trovano in difficoltà. Questo però nell’attenzione e nell’apertura alle diverse situazioni di difficoltà e miseria che possono caratterizzare chi vive nella comunità locale.

A livello nazionale – riguardo alle associazioni di trentini – solidarietà può voler dire accrescere l’auto aiuto e il mutuo aiuto fra i gruppi con lo scambio di materiali, idee, iniziative, progetti in corso.

A livello internazionale se da una parte sono importanti i collegamenti e la comunicazione tra le associazioni, dall’altra le differenze esistenti tra i diversi paesi e le condizioni di vita delle persone pongono l’urgenza di pensare azioni concrete di solidarietà e aiuto. Ciò sia attraverso i gruppi di "trentini" che si trovano in tali situazioni, sia ricorrendo alle associazioni e organizzazioni internazionali di aiuto e assistenza sociale.

Proposte – Azioni

Le azioni che le varie delegazioni hanno proposto alla fine dell’assemblea possono essere così sintetizzate:

  1. Rapidità e trasparenza nella comunicazioneanche attraverso la predisposizione oltre alle pagine gialle già illustrate di:
  2. Pagine Bianche intese come archivi contenenti: dati personali (nome/cognome/indirizzi/hobbies/interessi/qualifiche) di giovani che sono disponibili a iniziative di scambio (pagine bianche); dati suddivisi per settore di interesse (pagine gialle).
  3. Canali informativi. Utilizzo di canali sia formali (PAT, Ufficio Emigrazione, Associazioni Trentine, altre Associazioni, quotidiani locali, ecc.) che informali (e-mail, cassetta postale). Inoltre si può prevedere una Guida info individuando un giovane che si incarica a livello nazionale di divulgare, spiegare e ricercare informazioni di interesse per i giovani).
  4. Vademecum. Lo scopo di questa guida, che può essere pensata sia in forma scritta che su supporto magnetico, è di informare chiaramente, direttamente e immediatamente in merito a argomenti di vario genere.
  5. Progetti di sviluppo zone svantaggiate
    Promuovere azioni di solidarietà su progetti coinvolgenti piccoli gruppi e microimprese in forma cooperativa per attivare il mutuo aiuto e i collegamenti tra i vari circoli e realtà trentine del Nord e del Sud del mondo. L’iniziativa dovrebbe fondarsi su economie di scala, promuovendo il sistema cooperativo e l’utilizzo dei fondi di rotazione.
    Alla PAT spetterebbe il compito di favore e sostenere quei progetti basati sulla reciprocità e sulla responsabilizzazione dei vari gruppi, oltre che informare rispetto ai possibili finanziamenti accessibili tramite altri enti e organismi (Fondo Sociale Europeo e altri progetti della UE, FAO, Ministero degli Affari Esteri, ONG, CMT MAG, Banca Etica, ecc.).
  6. Turismo sociale
    Attraverso il quale favorire la conoscenza di altre culture e opportunità di crescita per i giovani trentini che vivono all’estero e anche in Italia. Le azioni proposte riguardano:
    • interscambi tra singole persone e piccoli gruppi:
    • incontri e scambi su temi specifici, ad esempio: esperienze con persone svantaggiate, handicappate, anziani, emarginati, ecc.; ciò al fine di confrontare le realtà dei vari paesi per capire come gli altri affrontano questi problemi;
    • congressi e incontri di zona e di continente che non devono necessariamente essere organizzati in Trentino.
 
 
 
Mappa del sito | Aiuto | credits | note legali | Intranet | scrivi al gruppo web | Cookie Policy